La Dcrescita - Diana Edizioni

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Dcrescita

 
 
LA DECRESCITA

Un mito post-capitalista

  

"La decrescita consiste in una selettiva diminuzione della produzione inutile, limitando lo spreco nel processo di produzione: noi puntiamo alla sovranità alimentare e all'indipendenza energetica. Solo attraverso la migliore qualità della vita, un fattore che ben oltre il PIL, si può quantificare il benessere di una nazione "

Maurizio Pallante


AUTORE
: Giuseppe Giaccio

PAGINE: 160
EURO: 12,00
COLLANA: Matrici
EDITORE: Diana Edizioni
ANNO: 2013

ISBN: 9788896221112










La decrescita è una corrente di pensiero che propone la fine del modello turbo-capitalista mediante una riduzione controllata,selettiva e razionale della produzione industriale e dei consumi superflui. L'idolatria del profitto e della accumulazione delle merci ha partorito il dominio finanziario tecnico/totalitario con i mostri dell'inquinamento ambientale, della devastazione dei territori e della diseguaglianza economica.

Una mega/macchina che cozza irrimediabilmente con i limiti della natura, di cui l'esaurimento imminente delle fonti fossili di energia è l'aspetto più evidente. Per i teorici della decrescita bisogna immaginare una nuova etica economica che valorizzi la sobrietà, il risparmio energetico e le biodiversità nel quadro di un modello sociale ed istituzionale compatibile con la sostenibilità ecologica, la giustizia sociale e l'autogoverno democratico dei territori.

Un cambio di paradigma per un mondo post-capitalista.
Il lavoro di Giuseppe Giaccio analizza le diverse versioni e filiazioni intellettuali che si richiamano alla decrescita nonchè le problematicità teorico/politiche ancora irrisolte dai suoi promotori e sostenitori.  




 
Torna ai contenuti | Torna al menu